©Vinschgau Marketing – Frieder Blickle

©Vinschgau Marketing – Frieder Blickle

Andate alla scoperta delle tradizioni dell’Alto Adige

Ancora oggi tradizioni e costumi continuano a giocare un ruolo importante e forniscono una panoramica non solo della storia, ma anche della vita di tutti i giorni nella zona intorno al Passo Resia. Qui si tramanda la tradizione delle malghe e viene dato un grande valore al benessere, quindi una stalla contiene generalmente non più di 12 mucche, che vengono nutrite con alimenti naturali e non OGM. Particolarmente suggestivo per i turisti è l’annuale ritorno a valle del bestiame accompagnato dai contadini dell’Alto Adige, che ha luogo in autunno. In quest’occasione pecore, capre, mucche e cavalli vengono decorati con ornamenti colorati e vengono condotti così a valle. Gli ospiti che partecipano a questo spettacolo hanno le possibilità di assaggiare i prodotti delle singole malghe e altre bontà come i krapfen o di gustare una varietà di vini. È assolutamente da vedere il tradizionale ritorno a valle del bestiame dalla malga Resia, così come non ci si può perdere una visita alle malghe S. Valentino, Melago, Curon, Brugger o Belpiano. Lanciatevi in un‘escursione ciclistica o in una passeggiata fra le malghe e assaporate le speciali prelibatezze della cucina della Val Venosta.


 

©Vinschgau Marketing – Frieder Blickle

©Vinschgau Marketing – Frieder Blickle

Le usanze sudtirolesi nelle sue sfaccettature più belle

Nel museo di Castel Naudersberg troverete molti oggetti artigianali e del mondo contadino e potrete informarvi così sulla storia, le tradizioni e i costumi della regione intorno al Passo Resia. Ma non è necessario visitare il museo per sperimentare in prima persona le tradizioni dell’Alto Adige.

Accanto al tradizionale ritorno a valle del bestiame, durante tutto l’anno ci sono diverse opportunità per conoscere le tradizioni della Val Venosta. Ad esempio a fine giugno c’è la domenica del Sacro Cuore di Gesù, durante la quale vengono accesi dei falò sulle montagne, che illuminano la notte sulle Alpi. Anche la sfilata dei Krampus e di San Nicolò a dicembre, oppure il lancio dei dischi ardenti alla fine del periodo di Carnevale, permettono di conoscere le antiche tradizioni dell‘Alto Adige. Fanno sicuramente parte della tradizione i prodotti tipici locali, le specialità regionali e le creazioni artigianali. Questi potrete provarli o acquistarli ai mercati contadini o ai mercatini di Natale, come ad esempio a Glorenza.